sabato 10 aprile 2010

La verità, vi prego, sull'amore

Scrivi le tue poesie d'amore con tutte quelle parole che odio.
Il risveglio è un momento terribile della giornata migliora solo dopo un pò e non mi basta la sua faccia vicino anche se è abbastanza.
Scrivi delle foglie e dei fiori che se li raccogli muoiono.
Seccano nei quaderni e ungono le pagine con quello che ne rimane.
Ci sono tutti quei colori pastello e quelle formule soffici di tenerezze con la pelle e con i baci.
Con la pelle ci fai il sesso e con i baci i saluti, strofinarsi il naso non funziona.
Io le poesie d'amore le voglio maschili e piene di vita
senza tutte quelle frasi dove il cielo si mischia con le arterie e il vento con i respiri.
Se respiri il vento tossisci.

2 commenti:

  1. il silenzio che non si traduce delegittima ogni giustificazione. soprattutto le più croniche

    RispondiElimina